Indie-Eye on new Patton video !

Indie-eye 15-06-2015

Patton è un trio nato in Belgio a partire dal 1994 e cresciuto intorno ai due fratelli Sam e Max Bodson. Love Boat, il primo Ep pubblicato ufficialmente, viene registrato con l’aiuto del bassista Philippe Koeune e pubblicato nel 1997 dalla Prohibited Records. Usciti nel periodo più florido del post-rock, il suono dei Patton risentiva di quella scena declinandola in modo più angolare ed elettrico. Il primo album arriva nel 2002 sempre per la Prohibited Records, con il titolo di J-R for jaune-rouge. Da questo momento in poi le influenze dei Patton imbarcano suoni del blues rurale anni 30, riformulati secondo la loro estetica, un mix esplosivo che guardava a John Fahey ma anche agli AC/DC. Il suono attuale della band contamina il loro amore per il blues con una serie di pattern elettronici. Dopo Hellénique Chevaleresque Récital, album pubblicato nel 2009, i due fratelli tornano con un nuovo singolo Fossils & Bubbles sempre per la Prohibited Records accompagnato da un video che unisce l’immediatezza dei nuovi dispositivi di ripresa digitale e l’approccio DIY che guarda al Dylan di Subterranean Homesick Blues, in particolare a quella che è diventata la clip del brano, estratta dal lavoro documentaristico di D. A. Pennebaker. I Patton lo citano, probabilmente anche per le radici blues della loro musica ma anche per quello che Max ci ha raccontato: “ho sempre preferito la giustapposizione di parole alle frasi fatte, ed è lo spirito del brano. L’idea delle parole scritte a mano su alcuni pezzi di cartone è di Sam che è l’anima grafica del progetto. Abbiamo registrato con una videocamera portatile, filmando la vita urbana, scene di tutti giorni, alcune catturate sui mezzi pubblici, altre durante i viaggi all’estero. L’idea era quella di dare ai testi il ruolo principale mentre noi interpretiamo una parte secondaria. Mentre giravamo ricordo benissimo lo sguardo dei passanti che si chiedevano se fossimo parte di un collettivo surrealista oppure se fossimo dei senza tetto di nuova generazione” Come ci hanno raccontato Sam e Max, il video di Fossils & Bubbles è stato interamente realizzato da loro cercando di restituire il mood gioioso del brano. L’approccio è quello del film di famiglia. Una forma spontaneistica che il duo non rinnega mai.

Indie-eye15-06-2015 – Michele Faggi